Chiudi

Alla scoperta di Venezia: il Carnevale

Con il post di oggi introduciamo la rubrica “Appunti di Viaggio”: pensieri, esperienze, proposte, suggerimenti e testimonianze di viaggio dei nostri Volontari TGS Eurogroup. Si comincia con Venezia, grande palcoscenico della passeggiata di solidarietà  Su e Zo per i Ponti organizzata ogni anno da TGS Eurogroup e programmata quest’anno per domenica 14 Aprile. Nell’attesa di darvi il benvenuto a Venezia in quella occasione, vi lasciamo alle parole della nostra Ludovica che oggi ci racconta del Carnevale di Venezia. Buona lettura!

Carnevale di Venezia

Carnevale. Le strade sono piene di maschere e coriandoli, e sembra che i colori siano usciti dai loro rifugi e si mostrino al mondo in tutto il loro splendore, e i travestimenti fanno a gara a chi è più originale ed eccentrico, e tutti i bambini ridono, ed è una risata di felicità che contagia il mondo.

Fabrizio Caramagna

A partire dalle antiche feste egiziane in onore della Dea Iside, passando poi per le feste dionisiache organizzate dagli antichi greci per celebrare la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, fino ad arrivare ai Saturnali festeggiati nell’Antica Roma, si potrebbe dire che, nel corso del tempo, il Carnevale abbia indossato, così come i suoi eccentrici partecipanti, migliaia di maschere.

Il temine “Carnevale” ha un’etimologia legata alla tradizione cristiana “carne levare”, letteralmente “privarsi della carne”, con riferimento al banchetto che precedeva il mercoledì delle Ceneri.

A Venezia la prima traccia di questa “Festa dei Folli” risale al 1094. All’epoca il Carnevale durava ben più di un mese, infatti i veneziani cominciavano a festeggiare già a partire dai primi giorni di ottobre e le celebrazioni proseguivano ben oltre l’Epifania. Influenzata forse dall’atmosfera licenziosa e grottesca dei Saturnali romani, durante le feste carnevalesche ai cittadini veneziani tutto era concesso. Protetti da maschere colorate, poveri e ricchi, potenti e plebei, tutti erano eguali e nessuno era al sicuro da scherzi e burle.

Oltre ai numerosi spettacoli circensi di giocolieri, saltimbanchi, acrobati, musicisti, durante il Carnevale venivano organizzate splendide feste in maschera e sontuosi balli. Evento che entusiasmava tanto i patrizi quanto i plebei era la “Festa delle Marie”, in occasione della quale venivano scelte le 12 più belle future spose di Venezia, le quali avevano la possibilità di entrare nel palazzo del Doge.

Con la caduta della Serenissima e l’arrivo dei francesi prima e degli spagnoli poi, il Carnevale di Venezia comincia il suo lento ma inesorabile declino. È solo a partire dal 1979 su iniziativa del Comune di Venezia e di alcune associazioni che il Carnevale di Venezia ha la possibilità di risorgere, diventando celebre in tutto il mondo.

L’edizione 2024 del Carnevale di Venezia è stata intitolata “Ad Oriente. Il mirabolante viaggio di Marco Polo”, in occasione dei 700 anni dalla morte del celebre viaggiatore veneziano. Fu nel 1271, a soli 17 anni, che Marco Polo, figlio di un noto mercante veneziano, intraprese il viaggio che, per 24 anni, lo condusse alla scoperta di nuove terre e culture, attraverso le Vie della Seta fino a giungere in Oriente.

Il viaggio è dunque il punto focale dell’edizione del Carnevale di quest’anno: viaggio non solo visto come canale di collegamento tra terre lontane e occasione di incontro tra culture diverse; ma anche viaggio metaforico alla scoperta di sé stessi.

Queste tematiche non sono sicuramente estranee a TGS Eurogroup, il quale ha fatto dell’organizzazione di viaggi studio all’estero per ragazzi uno dei suoi cavalli di battaglia. Inoltre quest’anno la Su e Zo per i Ponti di Venezia, di cui TGS Eurogroup è l’orgoglioso ente promotore, vedrà protagonista lo stesso Marco Polo, richiamato nel logo della manifestazione, ed il cui “Il Milione” sarà ripreso nello slogan della passeggiata di solidarietà del prossimo 14 aprile. Per saperne di più , ti invitiamo a visitare il sito dedicato www.suezo.it.

Da non perdere….

Ludovica, Volontaria TGS Eurogroup

[immagine: TGS Eurogroup]

 


44° Su e Zo per i Ponti di Venezia – 14 Aprile 2024

La Su e Zo per i Ponti è un evento che ogni primavera coinvolge migliaia di persone in una passeggiata di solidarietà per le calli di Venezia: una folla festante di giovani e meno giovani, famiglie, scolaresche, gruppi, associazioni sportive, tutti uniti in una giornata all’insegna dell’aggregazione, dell’amicizia e della solidarietà. Ogni anno diversi percorsi si snodano tra gli angoli meno conosciuti della città lagunare, senza però tralasciare i luoghi che la rendono famosa nel mondo. Una giornata all’insegna del turismo sostenibile
nel rispetto della città che ci ospita, alla scoperta della sua arte e della sua storia, della sua vera anima, della sua essenza.

Da sempre gli eventuali ricavati della Su e Zo per i Ponti di Venezia vanno a sostegno di realtà impegnate nel sociale e nell’educazione, con particolare riguardo alle missioni salesiane in tutto il mondo. Nel 2024 sono al centro dell’attività solidale le opere salesiane in Terra Santa.

Vuoi saperne di più? Visita il sito web dedicato www.suezo.it e iscriviti subito on line!

lo Staff TGS Eurogroup

Area Download

  • Scheda informativa Su e Zo per i Ponti di Venezia - Download

Link correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.