Chiudi

Su e Zo per il Veneto: tappa a Portogruaro e Concordia Sagittaria, pagina di diario

Continua la rassegna “Su e Zo per il Veneto” edizione 2021! Dopo la prima tappa presso Villa Pisani a Stra, in provincia di Venezia, eccoci alla seconda tappa: Portogruaro e Concordia Sagittaria! Alla tappa era presente Chiara, Volontaria nonché Presidente TGS Eurogroup: sentiamo dalla sua viva voce come è andata!

TUTTE LE FOTO DELLE TAPPE “SU E ZO PER IL VENETO” SONO SU FACEBOOK!

Domenica 18 luglio 2021 tappa a Portogruaro e Concordia Sagittaria, in provincia di Venezia, per la Su e Zo per il Veneto! Il bello della Su e Zo per il Veneto è che ci permette di scoprire dei gioielli nascosti in giro per la nostra regione e anche di comprendere che ognuno di noi può fare la propria parte per sostenere e promuovere la cultura, l’arte e l’ambiente dei nostri territori.

Ci siamo trovati verso le 10 di mattina presso la stazione di Portogruaro e con lo zainetto in spalla ci siamo incamminati verso la prima tappa della giornata: il Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro. Pensate che questo Museo statale è il più antico di tutta Italia e contiene molti reperti che riguardano soprattutto il periodo dell’impero romano. È meraviglioso avere l’opportunità di confrontarci con il passato e comprendere che tante delle cose che oggi diamo per scontate, ad esempio gli acquedotti, le reti stradali o le fognature, sono state concepite dai Romani migliaia di anni fa e resistono ancora ai segni del tempo.

Conclusa la visita del Museo siamo andati alla scoperta della cittadina di Portogruaro e abbiamo potuto ammirare il Duomo, i Mulini di Sant’Andrea, l’Antico Pozzetto delle Gru e molti altri luoghi caratteristici. Per pranzo ci siamo spostati presso il Parco dei Signini a Concordia Sagittaria e successivamente siamo andati a visitare non solo la Cattedrale di Santo Stefano, ma anche tutto quanto vi è “sotto”, ovvero l’area archeologica con il complesso paleocristiano del IV secolo che comprende la Trichora, con annessi recinti funerari e cortile lastricato, e la Basilica Apostolorum Maior, con pavimento a mosaico. Sul lato settentrionale dell’area abbiamo anche potuto vedere un segmento della strada consolare romana, Via Annia, perfettamente conservato. Addirittura su alcuni punti si potevano vedere i segni lasciati dalle ruote dei carri dell’epoca romana, molto rari da scoprire qui in Veneto.

L’ultima, sorprendente visita, è stata presso la Domus Signini, un’altra area archeologica poco distante dal centro di Concordia Sagittaria che nasconde ancora molti segreti: qui abbiamo incontrato Alessandra, una guida nonché archeologa preparatissima e molto disponibile a raccontarci la storia di questo luogo; con lei abbiamo riflettuto su quanta importanza hanno i siti archeologici del territorio locale, non solo per il rilancio del turismo di prossimità ma anche per sensibilizzare fin da piccoli i cittadini di domani all’importanza di approfondire la conoscenza delle nostre radici, ad essere curiosi e a non fermarsi alla superficie di quanto si presenta ai nostri occhi.

Verso le 18.00 del pomeriggio ci siamo salutati, stanchi dopo una giornata particolarmente intensa ma grati per quanto abbiamo potuto visitare e conoscere da vicino.

Ci vediamo alla prossima tappa, domenica 1 agosto ad Asiago, in provincia di Vicenza!

Un abbraccio,

Chiara e lo Staff Su e Zo per il Veneto


Prossime tappe Su e Zo per il Veneto:

  • DOMENICA 1° AGOSTO 2021 – ASIAGO (VI)
  • DOMENICA 5 SETTEMBRE 2021 – CAORLE (VE)

Scopri il progetto “SU E ZO DETOUR – le visite guidate della Su e Zo per i Ponti di Venezia”: consulta il calendario nella sezione dedicata del sito Su e Zo e prenota il tuo Su e Zo Detour oggi stesso!
Ecco le prossime date in programma:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.