Chiudi

Detourism: il Carnevale di Venezia

Oggi “Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia, ci porta a scoprire la storia del Carnevale di Venezia! E visto che si avvicina il Martedì Grasso… siete pronti a festeggiare il Carnevale di Venezia 2021 direttamente on line? Ecco qui tutti gli appuntamenti da non perdere! Buona lettura!

Quattro cose che forse non sapete sul Carnevale di Venezia

TRA I PIÙ ANTICHI D’ITALIA, È STATO PER SECOLI IL CARNEVALE PIÙ FAMOSO D’EUROPA.

Il Carnevale di Venezia è senza dubbio uno degli eventi più attesi della città.

  1. Le sue origini si fanno risalire all’XI secolo: nasce come un tempo più o meno lungo di spettacoli pubblici, banchetti, scherzi e travestimenti che si conclude il Martedì Grasso, ultimo giorno di festeggiamenti prima dei 40 giorni di digiuno della Quaresima.
  2. Fin dalle origini, il carnevale di Venezia era regolamentato dal Governo della Serenissima: un editto del Doge Vitale Falier, datato 1094, fa menzione per la prima volta di un «pubblico spettacolo» concesso nel periodo pre-quaresimale; la festa viene poi formalmente istituita nel 1296, quando viene dichiarato festivo il giorno precedente la Quaresima.
  3. Nel Settecento, secolo del massimo splendore del carnevale veneziano, Venezia era famosa in tutta Europa per le sue sontuose feste in maschera. L’atmosfera di quel periodo si può ancora rivivere nei dipinti di Pietro Longhi, Francesco Guardi, Giandomenico Tiepolo e Gabriel Bella in due musei veneziani: Querini Stampalia (leggi la guida in PDF) e Ca’ Rezzonico (leggi la guida in PDF).
  4. La storia del Carnevale di Venezia subisce una brusca interruzione dal 1797, quando, prima con Napoleone e poi con gli austriaci, maschere e feste popolari sono vietate. Ma lo spirito del carnevale rinasce nel 1979, e da quel momento diventa una tradizione che si rispetta ogni anno.

Scopri Ca’ Rezzonico su Google Arts&Culture!

Carnevale di Venezia 2021

Il Carnevale di Venezia 2021 sarà trasmesso in diretta streaming online sui canali social ufficiali e su Televenezia (canale 71 del digitale terrestre). Otto appuntamenti, dal 6 al 7 febbraio e poi dall’11 al 16 febbraio, per celebrare le origini, le tradizioni e le curiosità del Carnevale trasmessi in diretta da Ca’ Vendramin Calergi, sede del Casinò. Scopri di più!


Four things you might not know about Venice Carnival

ONE OF ITALY’S OLDEST CARNIVALS, THE MOST RENOWNED IN EUROPE FOR CENTURIES

The Venice Carnival is one of the most popular events in the city’s calendar.

  1. Dating back to 11th century, it is held every year in the weeks leading up to Shrove Tuesday (the day before Ash Wednesday): it marks a period of excess, public performances, masquerade balls and banquets before Lent, the 40 days of fasting in the run up to Easter.
  2. The Venice carnival was once outlawed by the Government: the term appeared for the first time in 1094 in a decree issued by the Doge Vitale Falier, referring to public festivities held before the start of Lent. The feast was then officially established in 1296, when the day before Lent was declared a public holiday.
  3. Venice was renowned for its masquerade parties during the 18th century, when its carnival reached a climax. The atmosphere of that period is brilliantly expressed in the paintings of Pietro Longhi, Francesco Guardi, Giandomenico Tiepolo and Gabriel Bella in two Venetian museums – the Querini Stampalia (read the museum guide) and the Ca’ Rezzonico museum (read the museum guide).
  4. Since 1797, Napoleon and then the Austrian domination had decreed an end to costume and public festivities. Revived in 1979, the Venice carnival has become a longstanding tradition celebrated every year.

Venice Carnival 2021

The Venice Carnival 2021 will be live streamed online on the official social channels as a series of events celebrating its origins, traditions and curiosities. The online event will take place over eight days – from February 6 to February 7, and then from February 11 to February 16. During this time, a vast array of exclusive performances will be broadcast online, from Ca’ Vendramin Calergi, which hosts the Venice Casino. Find out more!

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 3/2021 del 04.02.2021]

[picture: Francesco Guardi, “Il Ridotto di Palazzo Dandolo a San Moisè”, 1746-1750. Fondazione Musei Civici di Venezia / Google Arts & Culture]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni settimana viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism”), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni settimana.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni settimana compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.