Chiudi

Detourism: San Francesco del Deserto a Venezia

Primo post del 2021 da “Detourism: La newsletter di Venezia”, redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni settimana viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia. Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism”), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di compilare il modulo on line proposto dal Comune di Venezia per riceverla direttamente nella propria casella email ogni settimana.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.
Scopriamo oggi il luogo che ha ispirato l’Itinerario Culturale della Su e Zo per i Ponti 2020-2021: l’Isola di San Francesco del Deserto, che nel 2020 ha celebrato gli 800 anni dal passaggio di San Francesco di Assisi! Buona lettura!

San Francesco del Deserto, uno degli ultimi eremi lagunari

San Francesco del Deserto è una piccola isola abitata dai frati minori, proprio al centro della laguna a nord di Venezia. Quest’anno l’eremo ha festeggiato 800 anni di storia: secondo la tradizione, infatti, nella primavera del 1220 l’isola ospitò San Francesco di Assisi, patrono d’Italia, di ritorno dalla Terra Santa. Frate Francesco, rientrato a bordo di una nave veneziana, probabilmente giunge a Torcello, allora centro storico di rilievo e sede del Vescovo. Ma Francesco cerca un luogo tranquillo dove fermarsi a pregare e riflettere. Sbarcato su una piccola isola vicina, che è proprietà del nobile veneziano Jacopo Michiel, è accolto dal canto di una moltitudine di uccelli: lo racconta il suo biografo san Bonaventura da Bagnoregio. Nel 1233 (appena cinque anni dopo la canonizzazione di frate Francesco d’Assisi), Jacopo Michiel dona l’isola ai frati minori, affermando che su di essa è già stata edificata una chiesetta, una delle prime al mondo ad essere dedicata al santo.

Il nome del luogo risale al Quattrocento, quando l’isola di san Francesco per alcuni anni rimase abbandonata – deserta – a causa della insalubrità della laguna. Oggi l’isola è aperta ai visitatori in cerca di tranquillità e contemplazione, che desiderano ristorarsi passeggiando nel parco, visitare la chiesa e il chiostro. La visita è guidata da un francescano. Offerta libera. L’isola è raggiungibile con la linea B di Laguna Fla.

Scopri di più su San Francesco del Deserto!


 

San Francesco del Deserto, one of the lagoon’s last hermitages

San Francesco del Deserto is a small island inhabited by Friars Minor, right in the heart of the lagoon north of Venice. The hermitage celebrated 800 years of history this year; according to tradition, in the spring of 1220 the island hosted Saint Francis of Assisi, patron saint of Italy, on his return from the Holy Land. Having returned aboard a Venetian ship, Friar Francis probably reached Torcello, then an important historical centre as well as the Bishop’s seat. But Francis was looking for a quiet place to stop and pray and reflect.

Once he landed on a small nearby island, owned by the Venetian nobleman Jacopo Michiel, he was welcomed by a multitude of singing birds, as his biographer San Bonaventura da Bagnoregio tells us. In 1233 (just five years after Friar Francis of Assisi was canonised), Jacopo Michiel donated the island to the Friars Minor, stating that a small church had already been built on it, one of the first in the world to be dedicated to the Saint of Assisi. The name of the place dates back to the fifteenth century, when the island of San Francesco was abandoned – deserted – for a few years due to the lagoon’s unhealthy conditions. The island is now open to visitors seeking peace of mind and meditation, who wish to rewind by strolling in the park, or visiting the church and the cloister. The tour is guided by a Franciscan friar. Free donation. The island can be reached with Laguna Fla’s B line.

Find out more about on San Francesco del Deserto!

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 37/2020 del 02.10.2020]

[picture by ildirettore / Wikimedia Commons, CC BY 3.0]


Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni settimana compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.