Chiudi

TGS Eurogroup sui luoghi di Don Bosco 2019. Pagina di diario

TUTTE LE FOTO SU FACEBOOK! Il Consiglio Direttivo TGS Eurogroup da Venerdì 11 a Domenica 13 Ottobre 2019 è da poco rientrato da Torino, dove si è recato in viaggio pellegrinaggio in visita ai luoghi Salesiani (vedi precedente post: “TGS Eurogroup sui luoghi di Don Bosco 2019”). Ecco la pagina di diario di Chiara…

Come posso raccontarvi il nostro viaggio in quel di Torino? Ho pensato di usare alcune parole chiave che possano riassumere il tutto!

RADICI

A volte, durante il percorso di vita di un’Associazione, vi sono dei momenti in cui è necessario fermarsi e riflettere sulle scelte future. Abbiamo deciso di andare a Torino, perché lì sono le nostre origini salesiane e vi assicuro che la presenza di Don Bosco si è sentita chiara e forte in questi giorni. Abbiamo potuto – alcuni di noi per la prima volta – ascoltare la storia di un uomo come tanti, che partendo da un gruppo di ragazzi di strada è riuscito ad entrare nei loro cuori e a convertirli. Non solo per la propria fede, ma anche per una vita onesta e basata sui talenti che ci sono stati donati fin dalla nascita. Don Bosco ha capito che per ogni giovane c’è un progetto educativo ed è una nostra sfida quella di poterlo intuire e di accompagnarli nella sua realizzazione.

FAMIGLIA

Quando si arriva a Valdocco e ti spiegano come si è evoluta la storia dell’oratorio, di quanta fatica è stata fatta per permettere che si realizzasse questo sogno, capisci che fai parte di una famiglia più grande. Non era solo Don Bosco a credere che i giovani hanno bisogno di essere amati, lo credono tutti coloro che si ispirano alle sue opere: noi dell’associazione TGS Eurogroup crediamo fortemente che attraverso lo strumento del turismo si possa far emergere la bellezza dell’ambiente in cui viviamo e allo stesso tempo il dono dello spirito di servizio ai giovani. È davvero bello poter rispondere a chi mi chiede dei miei impegni e mi dice: “Dove vai di bello questo weekend?” ed io: “Vado con l’associazione TGS, la mia seconda famiglia”.

STORIA

È stato molto interessante rendersi conto di quanto sia importante il contesto storico in cui si opera: Don Bosco ha sviluppato il sistema preventivo attraverso la sua esperienza di servizio nelle carceri, dove si è accorto che c’erano tantissimi giovani e si è domandato come contrastare tutto questo. Durante gli anni, Don Bosco si è dovuto scontrare più volte con situazioni non favorevoli alla Chiesa, ma lui e i suoi giovani non si sono mai arresi e questo ci dice molto della passione educativa che li muoveva. Ci fa comprendere come i secoli siano passati, ma la sua missione educativa no: oggi questa missione viene affidata ad ognuno di noi, che con le proprie capacità e le proprie inclinazioni la realizza sentendo Don Bosco vicino in ogni passo.

LE DUE A: ALLEGRIA E AMICIZIA

Possiamo dire che all’associazione TGS non mancano quasi mai! Abbiamo viaggiato tutti insieme in un furgone e fra chi cantava e chi giocava ad indovinare le parole, il tempo è volato. Ovviamente le risate non sono mancate, ma soprattutto abbiamo avuto modo di conoscerci meglio. Quando si fa parte di un gruppo, che crede fortemente in quello che fa, è fondamentale passare del tempo insieme, per scoprire nell’altro le meraviglie che non si trovano in superficie. Esperienze come queste rafforzano i legami, perché ti rendi conto di non essere l’unico a sognare in quella direzione e si sa che l’unione fa la forza.

Volevo ringraziare tutti per questi giorni, per le riflessioni emerse e che ci aiutano ad essere persone migliori anche nella vita di tutti i giorni.

Chiara

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.