Chiudi

TGS Summer 2019 – Diario del 31.07

Nuovo giorno, nuove avventure! Cosa riserverà questa giornata ai nostri ragazzi?

Tra le vie di Tunbridge Wells si respira aria di test! Infatti, gli studenti dovranno mettere alla prova le loro conoscenze e tutto ciò che hanno imparato in queste settimane con un test, come se la caveranno?

Sicuramente non avranno neanche tempo per pensare a come saranno andati nei test, perché questa sera è il loro turno per l’attesissimo Get Together.

I leader stanno già iniziando i preparativi con cibo, attività e divertimenti sia per i ragazzi che per le loro host families. Cosa staranno tramando per tutti quanti? Purtroppo a noi non resta che aspettare il resoconto della serata.

I ragazzi di Tonbridge, invece, dopo le lezioni prenderanno il treno per andare a visitare i Kew Gardens. Dichiarati patrimonio dell’umanità nel 2003, i Kew Gardens contengono oltre 50.000 varietà di piante, la più grande e diversa raccolta botanica del mondo.

Una curiosità che riguarda i giardini è quella che in uno dei molti padiglioni presenti sui 120 ettari, il Tea Pavillon, venne appiccato il fuoco da Olive Wharry e Lilian Lenton, due esponenti del movimento delle Suffragette il 7 marzo 1913.

Se i nostri ragazzi non soffrono di vertigini, possono poi vedere i giardini anche dall’alto grazie al Treetop Walkway, una passerella a 18 m dal suolo e lunga 200 m, aperta nel 2008. La passerella fu progettata dall’architetto Marks Barfield, lo stesso che creò il London Eye.

Invece, per i ragazzi di Guildford, è giunto il momento di fare i bagagli, salutare la verde Inghilterra e partire alla volta dell’Italia salutando la casa salesiana di Bollington che li ha ospitati in questi ultimi 3 giorni. Non senza fermarsi nella città fortificata di Warwich..

Il ritorno a casa è sempre un momento dolceamaro, sicuramente i ragazzi non vedono l’ora di riabbracciare le proprie famiglie e non dover mangiare più il temuto packed lunch (finalmente).

Allo stesso tempo non vorranno salire su quell’aereo, e preferirebbero rimanere in quella bolla di felicità durata si, solo alcune settimane, ma nelle quali hanno condiviso esperienze più o meno formative, momenti di gioia come anche momenti di tristezza e risate con persone che all’inizio erano delle sconosciute, ma con il passare dei giorni sono diventate la loro famiglia lontano da casa.

Augurando un buon ritorno a casa ai ragazzi di Guildford, noi ci rivediamo domani per sapere delle avventure dei due centri rimanenti.

Kay e lo Staff Tgs Eurogroup

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.