Chiudi

Guy Fawkes Night

Brockham Bonfire

“Remember, remember the Fifth of November”… così comincia una filastrocca tradizionale inglese che si ispira alla celebrazione annuale del 5 di Novembre, ovvero la cosiddetta “Guy Fawkes Night”.

Viene in questa occasione ricordata la sventata Congiura delle Polveri, o Gunpowder Plot, quando un gruppo di cattolici guidati da Robert Catesby (comprendente tra gli altri anche Guy Fawkes) progettò di far saltare il Palazzo di Westminster nel pomeriggio del 5 novembre 1605, all’interno del quale era presente re Giacomo I d’Inghilterra, che reprimeva i cittadini di religione cattolica.

Ogni cittadina o villaggio inglese festeggia la Guy Fawkes Night. Tradizionalmente, la celebrazione comincia con una processione di tutti gli abitanti del paese, con tanto di torce, fino al green dove è  allestita una pira alla cui sommità è posto un fantoccio a rappresentare Guy Fawkes, appunto. Ogni torcia è depositata alla base della catasta di legna e ramaglie e viene dunque acceso il falò (bonfire), a cui solitamente fa seguito uno spettacolo pirotecnico.

Nel corso del recente viaggio in Inghilterra del Direttivo TGS Eurogroup i nostri amici inglesi ci hanno introdotto a questa suggestiva tradizione inglese, portandoci al bonfire di Brockham, vicino a Dorking, uno dei più grandi e famosi dell’Inghilterra.

E’ possibile vedere una presentazione di foto della serata seguendo il seguente link:
Guy Fawkes Night in Brockham, 2009.

Per saperne di più sulla figura di Guy Fawkes:
http://en.wikipedia.org/wiki/Guy_Fawkes

Per saperne di più sul bonfire di Brockham:
http://www.brockhambonfire.com

Igino

Remember, remember the Fifth of November,
The Gunpowder Treason and Plot, I know of no reason Why Gunpowder Treason Should ever be forgot. Guy Fawkes, Guy Fawkes, t’was his intent To blow up King and Parli’ment. Three-score barrels of powder below To prove old England’s overthrow; By God’s providence he was catch’d With a dark lantern and burning match. Holloa boys, holloa boys, let the bells ring.
Holloa boys, holloa boys, God save the King!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.