Chiudi

TGS Summer 2012 highlights: Caterham

Continuano a tornare alla memoria i ricordi dell’Estate TGS 2012. Dopo gli “highlights” di Guildford, Tunbridge Wells e Tonbridge, è la volta oggi di Caterham: Gianluca ci racconta come ha vissuto la sua estate in Inghilterra con il TGS…

I Leader di TGS Caterham 2012: Antea, Sabrina, Gianluca,
Elia e don Pepe.

Ho appena rivisto il video conclusivo dell’estate a Caterham… L’inizio con la canzone Kayleight dei Marillion dice proprio “Do you remember? […] Do you remember?”. Certo la canzone si riferisce a ben altro ma il “do you remember?” colpisce a fondo.
Yes, I remember all about this summer in UK. Come dimenticarsi tutte le emozioni vissute, i sorrisi, le battute, la voglia di stare insieme? E come dimenticarsi le giornate a Londra, il castello di Arundel, i college di Oxford o il pavillion (e il mare) di Brighton?
24 giorni in UK sono difficili da scordare. Ed è difficile dimenticare tutte le emozioni provate: l’attesa per tre ore in aeroporto e poi l’arrivo a mezzanotte e la “consegna” alle famiglie, l’arrivo a casa, persone che non conoscevamo che ci ospitato con tutto riguardo.
E poi, parlar con le famiglie in inglese, tentare di azzeccare le parole per farsi capire, arrivare alla hall alle nove di mattina e ritrovare l’intero gruppo, amici e leader, tutti pronti per una nuova giornata insieme.
E poi il buongiorno, un momento in cui riflettere, in cui fermarsi per la preghiera e per imparare qualcosa di nuovo. E poi giù, tutti a lezione, professoresse che parlano solo in inglese, cercare di capirle e di stare attenti, imparare nuovi termini, dialogare con i compagni, esser protagonisti della nostra conoscenza.
E a metà mattina la pausa, due tiri a pallone, qualche battuta con gli amici, merendina e poi di nuovo a lezione.
E poi il pranzo con il mitico packet-lunch con paninetti, patatine (tutti i gusti più uno), snack, frutta etc. etc. Fortuna che si riesce a scambiarsi qualcosa!
E poi la pausa, il tempo libero e chiacchiere in compagnia, magari dormitina al parco, due tiri a pallone, e i leader che chiamano per i giochi del pomeriggio.
Ed infine le 17.30: è l’ora X, si torna a casa! A piedi o con i genitori… e arrivederci a domani (o alla sera).

Don Pascual, Rettore Maggiore dei salesiani direbbe “chicos, me habéis robado mi corazòn” (ragazzi, mi avete rubato il cuore). Si, la cosa che più ricordo con nostalgia dell’estate TGS, molto più di Londra, di Caterham, siete voi ragazzi, siete voi leader, siete voi host families. A Londra, a Caterham, si può tornarci quando si vuole, la città è sempre la stessa, i negozi non cambiano più di tanto, le strade sono quelle. Ma tornarci non è come l’esserci di qualche settimana fa.

È stata una bellissima esperienza ricca di emozioni, ricca di sorrisi, ed ognuno di noi si porterà per molto tempo in sé questi bei ricordi.

Quanto non ci siamo divertiti nella serata medievale? Quanto non ci siamo impegnati per preparare i costumi? E poi la “sfilata”? E per non parlare del gioco “madame et messier” con le corse per baciare la ragazza o il ragazzo di turno prima di venir a nostra volta baciati?
E la serata cinese? In Facebook c’è ancora gente che commenta le foto dei vestiti a tema… Si inizia con gli origami per passare poi a giochi di movimento e per finire con i famosi “fortune cookie”.
E le partite contro Coulsdon e (soprattutto) contro Tonbridge? Quanta voglia non c’era di fare bene, di preparare la formazione (se ne è parlato per giorni e giorni), di allenarsi? Si parlava di formazione sia nei momenti di pausa la mattina, sia nelle pause del pomeriggio, sia nei viaggi in corriera… certo che ci tenevate parecchio, eh?

Ma più di tutto resta il ricordo del gruppo, del muoversi assieme nelle gite e soprattutto nelle gite a Londra. “Compatti”, “Accelerare”, “Attraversiamo” erano le parole d’ordine. La “carovana” di 35 persone tutte con lo stesso zaino, in mezzo alla “massa” di gente. E mentre si andava, c’era il tempo per guardarsi attorno, per scattare le foto, per far facce strane, per farci riconoscere, per parlare del più e del meno, per scambiarsi opinioni su quello che si vedeva.
Certo la stanchezza con l’andar del tempo andava crescendo, ma l’entusiasmo era sempre quello, sempre la solita voglia di divertirsi e di mettersi in gioco con il proprio stile, sempre la solita voglia di conoscersi e di sentirsi parte del gruppo.

TGS 2012 Caterham… do you remember?

Gianluca

Link correlati:
Tutti gli articoli di TGS Whiteboard dedicati ai corsi estivi in Inghilterra 2012
Tutte le foto dei corsi estivi TGS in Inghilterra 2012 su Donboscoland

One thought on “TGS Summer 2012 highlights: Caterham

  1. …questo post mi ha commosso!!! capisco la vostra nostalgia cari leaders e ragazzi di Caterham 2012!!…anch’io ho lasciato tanti bei ricordi a Caterham(2010)…soprattutto il gruppo e delle esperienze meravigliose insieme!!!…I remember…=)
    Marygrace

Comments are closed.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.