Chiudi

Il Medagliere della Su e Zo per i Ponti

Si è svolto ieri, sabato 16 ottobre 2010, il 1° incontro di programmazione del Comitato Promotore della Su e Zo per i Ponti 2011, presso la sede TGS Eurogroup al Collegio Salesiano Astori di Mogliano Veneto. Un’occasione per una verifica della Su e Zo 2010 e per l’inizio della pianificazione della prossima edizione, la numero “33”, programmata per il 10 aprile 2011.
A tutti i membri del Comitato Promotore è stato fatto omaggio di un libriccino, confezionato personalmente dal Coordinatore Gianfranco Mandruzzato, contenente le fedeli riproduzioni di tutte le medaglie e le targhe distribuite dal 1975, anno della prima edizione, fino all’ultima edizione del 2010. Grazie Gianfranco per questo prezioso regalo!

Riportiamo in questo post alcune delle pagine più significative di questo Medagliere, assieme al testo introduttivo che riprende e rielabora il Saluto di benvenuto alla 25° edizione della Su e Zo per i Ponti scritto di suo pugno nel 2003 dall’allora Ispettore Salesiano don Claudio Filippin.

Igino

Link correlati:
www.suezoperiponti.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

La 1° “Su e Zo per i Ponti” si svolse nel 1975 su iniziativa di TGS Eurogroup e Venetiadi e, successivamente, di altre associazioni quali AGeSC, CTG, FISM, Ex allievi Don Bosco, NOI Associazione, ed ebbe così vasta partecipazione che gli organizzatori si proposero di continuare questa iniziativa.

La partecipazione a questa marcia è sempre stata molto numerosa in tutte le sue edizioni: da un minimo di 1.750 alla prima edizione, ad un massimo di 19.250 adesioni alla settima  edizione.

La “Su e Zo” è nata, e tale è rimasta dopo oltre 30 edizioni, come una marcia non competitiva, con l’unico scopo di coinvolgere giovani e meno giovani, famiglie, scuole, gruppi sportivi e non, in una camminata attraverso le calli di Venezia, tutti uniti dall’idea di stare insieme in amicizia e solidarietà. Fin dalle origini ogni eventuale utile è devoluto in beneficenza.

Tipica presenza è quella dei gruppi folkloristici. Essi danno, attraverso i costumi, gli spettacoli, le musiche quel festoso tono multiculturale, restituendo a Venezia una sua prerogativa: oscillare, analogamente al moto ondoso, tra la ricerca tormentata della sua identità e il confronto coi frammenti di mille culture che lungo la sua storia l’hanno impreziosita. Ogni partecipante infatti, durante la “Su e zo”, trova modo di identificarsi nella sua cultura, ma viene, nello stesso tempo, educato ad accogliere la varietà degli altri orizzonti in un vivace clima comunicativo.

Dopo oltre trent’anni, pur mantenendo intatto lo spirito delle origini, la Su e Zo continua ad essere ancora oggi una giornata di festa e di allegria che si rinnova di anno in anno. Vi partecipano mediamente tra le 10.000 e le 15.000 persone, oltre naturalmente ai 600 volontari che prestano servizio ai ristori e lungo i percorsi.

Fondatore e per anni coordinatore del Comitato Promotore della “Su e Zo” è stato Don Dino Berti. Ha guidato anche l’organizzazione dell’edizione del 2000, anno in cui è mancato. Grazie all’impegno e all’entusiasmo di tante persone e dell’attuale coordinatore Gianfranco Mandruzzato, la “Su e Zo per i Ponti” continua a riscuotere un grande successo di partecipanti e di pubblico, testimoniato anche dal crescente interesse dimostrato dai media a livello nazionale.

Il Comune di Venezia annovera ormai la “Su e Zo per i Ponti” tra gli eventi di massimo rilievo che caratterizzano ogni anno il fitto programma di manifestazioni veneziane, alla pari di Feste tradizionali, quali la Festa del Redentore. la Regata Storica, il Carnevale di Venezia, la Venice Marathon.

Enti Pubblici, aziende private, realtà produttive e istituti bancari con il loro contributo hanno permesso alla manifestazione di crescere e di diventare uno degli appuntamenti annuali di maggior richiamo nella città lagunare.

Link correlati:
Sito web Su e Zo per i Ponti
Tutte le ultime notizie sulla Su e Zo per i Ponti

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.