Chiudi

“L’educazione è cosa di cuore…”

“…e le chiavi del cuore le possiede solo Dio”. Con questo motto firmato don Bosco, quasi una tag line che campeggiava più o meno ovunque in giro per l’Istituto Salesiano San Marco di Mestre domenica scorsa 19 settembre 2010 (su striscioni, scenografie, poster, dépliant, schede di approfondimento, cartelline e t-shirt), si è aperto il primo Convegno Salesiano di Pastorale Giovanile, dal titolo “Chi ama educa”. Ma la frase-slogan ad effetto, ripetuta all’infinito manco fosse parte di un abile piano di viral marketing, era ben lontana dal proporsi come una semplice e banale mossa pubblicitaria e rappresentava al contrario l’essenza più pura e alta del significato di questa giornata: don Igino e suor Anna non avrebbero potuto scegliere una frase migliore per descrivere non solo i temi più veri e profondi toccati dai vari interventi nei diversi momenti della giornata, ma anche e soprattutto l’atteggiamento intimo e l’animo sensibile con cui i circa 600 partecipanti  di ogni età e di ogni provenienza hanno con entusiasmo raccolto l’invito e preso parte attivamente ai lavori del convegno.

Ed è stato forse proprio questo l’aspetto che più colpiva nel corso di questa “giornata di grazia”, come la descrive suor Anna su Donboscoland, al di là degli interventi di altissimo livello, profondi e coinvolgenti di Paolo Zini e Giuseppe Savagnone: colpiva soprattutto la partecipazione massiccia, qualificata e quanto mai varia da parte del popolo di educatori giunto a Mestre da tutto il Triveneto, in rappresentanza delle tante realtà salesiane e non presenti sul territorio.
Lo si notava in assemblea e lo si è toccato con mano anche e soprattutto durante i lavori di gruppo nel pomeriggio. Il piccolo gruppo di discussione che ho avuto il piacere di animare e coordinare si presentava alquanto eterogeneo: due animatori appena diciottenni carichi di entusiasmo, un giovane padre cooperatore salesiano con neonato al seguito, un’anziana suora delle Figlie di Maria Ausiliatrice, una giovane responsabile di oratorio, un’insegnante delle scuole medie, un ragazzo che in parrocchia coordina il coro e si offre come catechista, un frate cappuccino responsabile della pastorale vocazionale, una signora che fa l’educatrice in una scuola per l’infanzia, un signore di mezza età che coordina la gestione di alcune case alloggio, un paio di studenti universitari che ancora trovano il tempo per fare i catechisti e gli animatori in oratorio… Una varietà di modi diversi di vivere la stessa passione educativa, un confronto di esperienze e a una condivisione di obiettivi che certamente hanno contribuito al termine di questa giornata a farci sentire tutti “più ricchi di prima, soprattutto più consapevoli dell’impegno della Chiesa di rigenerare la società a partire dai giovani. Una vocazione che sentiamo forte come dono di Dio” (Suor Anna Peron, “Una giornata di grazia”, Donboscoland, settembre 2010).

La Santa Messa celebrata da Mons. Giuseppe Zenti, Vescovo di Verona nonché Delegato per la Pastorale Giovanile nell’ambito della Conferenza Episcopale Triveneto, ha concluso una giornata intensa che rimarrà nel cuore di tutti noi.

Igino

Bruna, Giulia e Roberta: il TGS Eurogroup al Convegno Salesiano di Pastorale Giovanile.

Tutte le foto del Convegno su Donboscoland!

Link correlati:
Tutti gli articoli di TGS Whiteboard dedicati al Convegno

Materiali disponibili su Donboscoland:
Articolo di Suor Anna Peron
Testi e file audio degli interventi dei relatori

One thought on ““L’educazione è cosa di cuore…”

Comments are closed.

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.